In Comunicati stampa

Negli ultimi sessant’anni la società è stata testimone del fenomeno ufologico, che è stato conosciuto e diffuso attraverso mezzi di comunicazione come giornali, riviste, libri, documenti, incontri di esperti e alcune dichiarazioni ufficiali di agenzie governative di vari Paesi.  

Anche se molte delle informazioni su avvistamenti o contatti potrebbero forse avere una spiegazione naturale, o chissà essere solo il frutto della fantasia, della farsa o addirittura dell’opportunismo di “presunti testimoni”, esiste una lunga lista di scienziati, politici, ecclesiastici, infine persone di alta credibilità, di diverse condizioni socio-economiche, che hanno ammesso di aver osservato UFO (Oggetti Volanti Non Identificati) o addirittura di essere entrati in contatto con esseri extraterrestri. Tuttavia, l’interesse dei governi e della comunità scientifica per la possibilità di interazione degli esseri extraterrestri con gli esseri umani sul nostro pianeta è stato quasi inesistente a causa di diverse ragioni che sarebbe lungo descrivere.

Tuttavia, ai giorni nostri tutti gli argomenti presentati dagli esperti scientifici sono controversi e discutibili, oltre a subire forti critiche e limitazioni. Di fronte ad essi stanno emergendo diversi altri argomenti che vanno nella direzione opposta. Prove storiche e archeologiche di super-civiltà in epoca preistorica; calcoli matematici probabilistici come l’equazione di Drake, che affermano l’imminenza di un contatto con esseri provenienti da un altro pianeta. A ciò si aggiungono le segnalazioni di osservazioni di UFO da parte di professionisti altamente qualificati, tra cui, ad esempio, astronauti e intellettuali, il che suggerisce che la visione classica e tradizionale, sostenuta dall’establishment scientifico, di non accettare l’interazione di esseri con l’umanità, potrebbe essere superata. Di fronte a questa situazione, scienziati di spicco come il Dr. James MacDonald, il Dr. Allen Hynek, il Dr. John Mack, il Professore e Generale dell’Esercito brasiliano Moacir Uchoa, e molti altri nomi, con le loro ricerche cliniche e sul campo hanno avuto il coraggio di sfidare il “mainstream” dominante della scienza. Nello stesso senso anche l'”Accademia Latinoamericana di Ufologia Scientifica”, LAASU, ha lasciato il suo contributo scientifico con il “Progetto Contatto Finale”, una ricerca già pubblicata che ha dimostrato con un metodo originale l’ipotesi che in alcuni casi di presunti “contattati”, in realtà si stia verificando un contatto avanzato con esseri extraterrestri sulla Terra. 

La comprensione della realtà, della complessità e dell’uso delle informazioni ottenute attraverso la ricerca di fenomenologie ufologiche associate a presunte intelligenze tecnologiche più avanzate, avrà un notevole impatto potenziale sul presente e sul futuro della nostra umanità. 

Pertanto, come cittadini, scienziati e rappresentanti di un gruppo di studiosi di mentalità aperta, dopo decenni di studi e ricerche, con il sostegno di altri cittadini e intellettuali solidali, esprimiamo prontamente queste sette affermazioni: 

1.​I fenomeni o le manifestazioni delle intelligenze extraterrestri sono reali e possono avere un’espressione fisica e materiale che consente di indagare con il metodo scientifico, oltre ad avere un’espressione psichica. 

2.​Esistono prove della presenza di queste intelligenze extraterrestri nel passato dell’umanità, che potrebbero aver influenzato le nostre origini, la nostra storia, la religione, le culture e lo sviluppo scientifico e tecnologico.

3.​L’origine di queste intelligenze extraterrestri è varia, suggerendo che ci sono civiltà all’interno del sistema solare, provenienti da altre costellazioni, galassie e probabilmente anche in altre dimensioni. Chiarisco che con il termine “intelligenze extraterrestri” si possono intendere esseri intraterrestri, intramarini, ultraterrestri o ultradimensionali, tutti chiaramente caratterizzati da uno sviluppo tecnologico superiore al nostro al punto che queste Intelligenze Extraterrestri si rivolgono a noi e non viceversa. 

4.​Alcune di queste intelligenze extraterrestri sono presenti nella vita quotidiana contemporanea in vari modi, il che suggerisce che abbiano una natura biologica simile alla nostra o una possibile, sofisticata capacità di metamorfosi.

5.​La comprensione della realtà, della complessità e dell’uso delle informazioni ottenute attraverso la ricerca sulla fenomenologia ufologica avrà il potenziale per avere un impatto notevole sul presente e sul futuro della nostra umanità, cambiando in modo rivoluzionario i paradigmi in campo filosofico, scientifico, sociale e politico.  

6.​Le autorità locali, nazionali e internazionali, come le Nazioni Unite, la comunità scientifica globale e i media, devono agire immediatamente per riconoscere questa realtà e la sua importanza per la società, anche se sappiamo che è molto probabile che alcuni governi abbiano già una profonda comprensione della realtà del problema. 

7.​La natura intrinseca di queste intelligenze extraterrestri, così come le ragioni della loro presenza e interazione con gli esseri umani, rappresentano una complessità che va oltre il limite della nostra comprensione e razionalità e che costituisce la sfida più grande per le prossime generazioni.   

San Paolo, 26 ottobre 2019

Julio C. Acosta-Navarro, MD, PhD, PhD

Presidente della “Academia Latino-Americana de Ufologia Cientfica”, LAASU.

Professore Collaboratore della Facoltà di Medicina 

dell’Università di San Paolo, Brasile

Post suggeriti

Inizia a digitare e premi Enter per effettuare una ricerca